Sistema Bibliotecario dell'Area Nord-Ovest

Inizio pagina

Cerca

servizi

  • Postazione internet
    SERVIZIO A PAGAMENTO EURO 0,50 OGNI 15 MINUTI SI RICHIEDE L'AUTORIZZAZIONE PER I MINORI
  • Wi fi
    GRATUITO

eventi

Consigli di lettura

Area riservata

cod. 271 / sigla:BNT

1915-2005 Il genocidio del popolo armeno

immagine dettaglioChi ha letto con passione "I quaranta giorni del Mussa Dagh", l'epopea di Franz Werfel sul genocidio degli armeni da parte dei turchi durante la prima guerra mondiale, ritroverà nel bellissimo romanzo di Antonia Arslan La masseria delle allodole un frammento della stessa vicenda, ricostruita da una discendente italiana sul filo delle memorie familiari. È la saga degli Arslanian, di due fratelli che con le loro scelte differenti hanno forgiato per i loro figli due destini tragicamente opposti, di vita e di morte. Il fratello maggiore, Yerwant, lascia l'Armenia da ragazzo, studiando a Venezia e diventando medico di successo a Padova, dove sposa una nobildonna e ne ha due figli. Il fratello meno avventuroso e più legato alle tradizioni familiari, Sempad, rimane nel villaggio natale in Anatolia, dove riveste uno status preminente, facendo della sua farmacia una finestra sulle novità occidentali. La sua numerosa famiglia incarna i valori e la cultura del popolo armeno, come l'ospitalità festosa, l'intraprendenza mercantile, la religiosità tollerante. Dopo molti anni di lontananza, nel 1915 i due fratelli combinano una rimpatriata: Yerwant con la famiglia si accinge a tornare in Anatolia con due automobili, carico di doni e di nostalgia. Sempad arreda prestigiosamente la "masseria delle allodole", la villa in campagna, preparando un'accoglienza memorabile. Ma lo scoppio della guerra spezza all'improvviso ogni progetto e consegna l'intero popolo armeno allo sterminio: i turchi, alleati dei tedeschi, attuano il mostruoso piano di eliminazione delle minoranze etniche. Massacrati tutti i maschi, compresi i bambini, le donne armene, fra cui la moglie e le figlie di Sempad, saranno deportate e trasferite ad Aleppo in un esodo atroce e spietato, destinate a un'inesorabile "soluzione finale". Grazie all’avventuroso intervento di amici fedeli, per le figlie di Sempad si apre in extremis una via di fuga e il romanzo, teso come un thriller ed emozionante come una storia d'amore, si conclude, in un salto temporale, con la voce della narratrice, la nipote Antonia, che intrecciando storia e poesia, colori, suoni e profumi, ha saputo incidere la sua vicenda familiare nella memoria collettiva. Notizie tratte dalla rubrica "Il libro della settimana" di www.cafeletterario.it